Prevenzione del Soffocamento: Adattamento delle Linee Guida Società Pediatrica Canadese (2012).

Soffocamento è una delle principali cause di morte per incidente nei neonati e nei bambini piccoli. Per ogni morte da soffocamento, ci sono circa 110 bambini trattati in reparti ospedalieri di emergenza.

Soffocamento è una delle principali cause di morte per incidente nei neonati e nei bambini piccoli. Per ogni morte da soffocamento, ci sono circa 110 bambini trattati in reparti ospedalieri di emergenza.

Il numero di bambini che hanno ricevuto il primo soccorso nella comunità è sconosciuto. Morbilità associata a queste lesioni può essere significativa: lesioni cerebrali anossiche e perforazione esofagea sono le principali conseguenze. Tutte le morti per soffocamento possono essere prevenute.

Definizioni: Soffocamento è l'interruzione della respirazione da ostruzione delle vie aeree per inalazione di un alimento o un piccolo oggetto.

I decessi dovuti a soffocamento, sono il risultato di asfissia: mancanza di ossigeno al cervello.

I bambini di età inferiore ai tre anni sono a più alto rischio di ostruzione delle vie aeree, per i seguenti motivi:

1) lo sviluppo delle vie aeree è ancora incompleto;
2) manca la capacità di masticare in modo efficace il cibo per sminuzzarlo in pezzi facilmente ingeribili;
3) Il meccanismo di deglutizione è ancora poco sviluppato;
4) manca l'esperienza per coordinare i muscoli della deglutizione a prevenire o interrompere un potenziale episodio soffocamento.

I bambini di età inferiore ai tre anni mettono più cose in bocca e cercano di tenercele per un periodo più lungo rispetto a qualsiasi altro gruppo di età, nei neonati questa particolarità è ancora più presente: esplorano il mondo esterno attraverso la bocca!

Epidemiologia:  La maggior parte delle morti per soffocamento si verificano nel primo anno di vita, la maggior parte dei ricoveri si sono verificati nei primi tre anni e un elevato rischio di ospedalizzazione persiste fino a sei anni di età. Morti per soffocamento avvengono in ambiente domestico fino al 95% dei casi. La presenza di fratelli maggiori nella famiglia aumenta il rischio di soffocamento, spesso perché:

1) i giocattoli e altri oggetti costituiti da piccole parti hanno maggiori probabilità di essere presenti;
2) l’alimentazione dei fratelli maggiori è inadatta ma incuriosisce i piccoli che cercano di emularli

Cause: Gli alimenti sono coinvolti in un numero significativo di casi di soffocamento (61%). La maggior parte dei cibi implicati sono piccoli, rotondi o di forma cilindrica, conformi ai contorni delle vie respiratorie del bambino (per esempio, wurstel, chicchi d’uva interi, carote tagliate a rondelle, arachidi, semi e caramelle dure). I palloncini in lattice sono il principale elemento non alimentare che provoca la morte per soffocamento nei bambini (29%). Le monete sono il principale prodotto alimentare non implicati nella fatale ingestione di corpo estraneo, vengono ingeriti e possono necessitare di rimozione per via endoscopica.

Le strategie di prevenzione: Ogni giocattolo che rischia di essere utilizzato da un bambino di età inferiore ai tre anni di età deve superare un piccolo test: ad esempio, gli occhi rigidi e i nasi delle bambole giocattolo di peluche devono sopportare una forza di trazione di 9 kg per cinque minuti. Sonagli e ciucci devono avere requisiti di resistenza antisoffocamento

Educazione:  L'educazione dei genitori alla prevenzione del rischio di soffocamento ha dimostrato essere una misura incisiva.

Legislazione e norme: La legislazione e le norme in vigore sono carenti e devono essere sviluppate. Considerando che una migliore progettazione del prodotto, l'etichettatura e l'imballaggio possono influenzare significativamente l'esposizione dei bambini ai pericoli di soffocamento, si raccomanda che produttori e progettisti dei prodotti e servizi per bambini usino documenti di orientamento che riassumano i potenziali rischi di soffocamento; l’etichettatura dei giocattoli e prodotti per l'infanzia dovrebbe identificare chiaramente un rischio specifico, piuttosto che fornire una semplice raccomandazione per l’età di utilizzo.

Educazione:  Programmi di sanità pubblica comunitari dovrebbero fornire informazioni di prevenzione e primo soccorso al soffocamento per tutti i fornitori di assistenza all'infanzia.

Raccomandazioni per età

Primi 2 mesi di vita:
- Evitare qualsiasi giocattolo fragile, smontabile e di diametro inferiore ai 4 cm.
- Utilizzare ciucci costituiti da un solo pezzo e sostituirli almeno ogni due mesi.

Da 4 a 6 mesi - Continuare a prendere tutte le misure di prevenzione di cui sopra, inoltre:
- prevenire continuamente il rischio di soffocamento in casa, aspirando o pulendo i pavimenti spesso;
- stare particolarmente attenti in presenza di visitatori e bambini più grandi.

Da 6 a 12 mesi - Continuare a prendere tutte le misure di prevenzione di cui sopra, inoltre:
- sorvegliare i neonati durante il pasto;
- scoraggiare i fratelli maggiori a dar da mangiare ai fratellini minori;
- considerare il passaggio ad un anello di dentizione, se il bambino inizia a masticare il ciuccio;
- controllare i pavimenti, il sotto dei mobili, tra cuscini del divano o poltrona dove si potrebbero nascondere oggetti rischiosi per il soffocamento, soprattutto dopo una festa;
- riporre i giocattoli per bambini più grandi in un luogo separato e inaccessibile ai bambini più piccoli;
- verificare e rispettare tutte le raccomandazioni di sicurezza presenti nelle etichette dei giocattoli.

Da 1 a 4 anni -  Continuare a prendere tutte le misure di prevenzione di cui sopra, inoltre:
- evitare giocattoli magnetici;
- assicurarsi che i giocattoli con batterie siano installati correttamente e non accessibili al bambino;
- non fargli utilizzare palloncini in lattice.
- incoraggiare la prevenzione a tavola: rimanere seduti mentre si mangia, non parlare con il cibo in bocca, masticare bene prima di deglutire, non giocare mentre si mangia.

Primo soccorso:  I genitori, i nonni e tutti gli operatori a contatto con i bambini devono essere incoraggiati a imparare e mantenere le loro conoscenze di rianimazione pediatrica.


Salvamento Academy

Primo soccorso pediatrico - PBLS